HOME | IL GRUPPO | LA MISSION | IL C.D.A. | SERVIZI | PROGETTI | SOS AIUTO | PARTECIPA ANCHE TU | NEWS | DOVE SIAMO | CONTATTI
 
 
 

Con Magliana 80, fai una buona azione e aiuti l'associazione ad andare avanti, è facile e non ti costa nulla. Nella dichiarazione dei redditi scrivi il codice fiscale 96012590582 ci sosterrai con un contributo concreto.

 
 
Password Smarrita?
 
 
News
sintesi progetto per tossicodipendenti
05-09-2018

Allegato 2 Italia

Allegato 2 Italia

 

 

 

 

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

 

TITOLO DEL PROGETTO:PREVENZIONE E INCLUSIONE

 

 

SETTORE e Area di Intervento:

 

Settore: Assistenza     Area: Tossicodipendenza       A 16

 

 

OBIETTIVI DEL PROGETTO

 

Favorire l’inclusione sociale attiva delle persone beneficiarie dei servizi ricompresi nel progetto, supportando la loro partecipazione sociale alle reti associative e di volontariato, la fruizione culturale, la partecipazione alla vita collettiva e la partecipazione sportiva.

 

 

 

 

CRITERI DI SELEZIONE

Criteri e modalità di selezione dei volontari:

    

I criteri di selezione sono stati già verificati dall’Ufficio Nazionale in sede di adeguamento dell’accreditamento. Si rinvia pertanto al sistema di selezione già accreditato. (NZ00123 – C.N.C.A.).

 

Ricorso a sistemi di selezione verificati in sede di accreditamento (eventuale indicazione dell’Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio):

 

SI                     C.N.C.A., Codice Ente NZ 00123

 

 

 

POSTI DISPONIBILI E SEDI DI SVOLGIMENTO:

 

 

Numero dei volontari da impiegare nel progetto: 40

 

Numero posti con vitto e alloggio* 11

 

Numero posti senza vitto e alloggio 18

 

Numero posti con solo vitto** 11

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sede/i di attuazione del progetto, Operatori Locali di Progetto e Responsabili Locali di Ente Accreditato:

 

N.

Sede di attuazione del progetto

Comune

Indirizzo

Cod. ident. sede

N. vol. per sede

Nominativi degli Operatori Locali di Progetto

Cognome e nome

E mail

Telefoni

1

Coop. Sociale Alice

Alba (CN)

Corso Michele Coppino, 48 /C-B

11602

2

Fornero Elisa

formazione@coopalice.net

0173/440054

2

Casa AMA

Castel di Lama

C.da Collecchio n.19

11605

4

Francesca Pavan

f.pavan@ama-aquilone.it

0736/811370

3

Casa A. Agostini

Pagliare del Tronto

Strada Vicinale Schiavoni n.11

27744

4

Giuseppina Sospetti

f.pavan@ama-aquilone.it

0736/811370

4

Centro Diurno Casa L’Aquilone

San Benedetto del Tronto

Via Pasubio n.78

27745

3

Arnaldo Adami

f.pavan@ama-aquilone.it

0736/811370

5

Associazione Insieme Onlus

Firenze

Via del Romito, 19

78432

1

Paolini Claudia

info@associazioneinsieme.it

 

055/8457608

6

Cosmo

Ca Mosaico

Vicenza

Strada S. Antonio N° 147

121845

2

Bonin Roger

gianni.bettini@cosmosociale.it

0444/1788017

 

7

Fondazione Somaschi DROP IN

Milano

Piazza XXV Aprile, 2

121969

1

D’Alfonso Edoardo

ricercasviluppo@fondazionesomaschi.it

02/62911975

8

Il Delta Comunità Terapeutica Fandango

Lamezia terme

Via delle Vigne snc

11609

2

Vaccaro Massimo

angelamuraca@gmail.com

0968/463504

9

Il Pioppo

Time out

Somma Vesuviana

Via Masseria allocca snc

78995

4

Iorio Giusi

serviziocivilepioppo@libero.it

081/5317102

10

Le.l.a.t.

Messina

Via Gaetano Alessi n°8

79046

4

Garufi Anna

lelatme@libero.it

090/686811

11

Coop Lotta Contro L'Emarginazione

Sesto San Giovanni

Via Lacerra 124

12821

2

Cristiano

Bregamo

tiziana.bianchini@cooplotta.org

02/2400836

12

Coop Lotta Contro L'Emarginazione

Sondrio

Via Visciastro 1

79057

2

Marco Duca

tiziana.bianchini@cooplotta.org

02/2400836

13

Coop Lotta Contro L'Emarginazione

Varese

Via Walder 39

12820

2

MANUELL

BATTAGGI

tiziana.bianchini@cooplotta.org

02/2400836

14

Magliana 80

Roma

Via Vaiano 23

18445

2

Cesarano Germana

germanac@mclink.it

 

06/5500765

15

Open Group Rupe Abba

Bologna

Via della Selva Pescarola, 11/ab

117362

1

Pinto Bianca Maria

chiara.girombelli@opengroup.eu

051/4382218

16

Open Group Rupe UDS

Bologna

Via Polese, 15/a

117372

1

Francesca Di Corpo

chiara.girombelli@opengroup.eu

051/4382218

17

Open Group Rupe Rifugio

Bologna

Via del Gomito, 22

66027

1

Ignelzi Ilaria

chiara.girombelli@opengroup.eu

051/4382218

18

Progetto Sulla Soglia

Vicenza

Via dalla Scola 255

79549

2

Muraro Gino

contact@progettosullasoglia.it

0444 /301065

 

 

 

 

 

 

 

ATTIVITÁ D'IMPIEGO DEI VOLONTARI

 

Le volontarie e i volontari prenderanno parte alle attività del Piano, secondo principi di gradualità, proporzionalità e attinenza delle attività al proprio ruolo di volontari, al grado di competenze di ingresso e sviluppate nel corso dell’anno e grado di specializzazione delle misure rispetto alle proprie capacità e conoscenze.

A inizio progetto, sotto la guida dell’OLP, verrà predisposto un piano di inserimento per ciascun volontario: che definirà le mansioni iniziali e i tempi relativi da impiegare per ciascuna mansione. Tale piano evolverà nel tempo, sino a ricomprendere la gran parte o tutte le attività specifiche dei volontari, di seguito elencate. Si punterà inoltre ad abilitare i volontari all’acquisizione di una graduale autonomia e creatività nello svolgimento dei propri compiti, naturalmente proporzionale all’andamento del servizio e alla valutazione dell’acquisizione di competenze ed esperienze.

Le attività in cui saranno impiegati i volontari, corrispondenti a ciascuna azione del progetto, possono essere così individuate:

Attività dei Volontari del Servizio Civile Nazionale

-           Partecipazione alla costruzione degli strumenti: stesura schede sulle risorse, mappe, recognizione del territorio, stesura banche dati ecc.

-           Ricognizione dei fabbisogni culturali ed educativi dell’utenza e dei servizi offerti

-           Partecipazione e supporto ad attività di networking territoriale: incontri locali, visite, contatti telefonici, attività segretariale ecc.

-           Partecipazione alla costruzione degli strumenti: data entry, popolamento banche dati ecc.

-           Analisi dei bisogni individuali e di gruppi/utenza

-           Supporto logistico alla realizzazione degli eventi: preparazione, invio inviti, attività segretariale, diffusione dell’iniziativa ecc.

-           Accompagnamento degli utenti presso servizi del territorio

-           Divulgazione delle informazioni relative alle attività socio-culturali offerte

-           Assistenza educativa orientata al recupero, al sostegno ed al cambiamento

-           Partecipazione a colloqui di progettazione personalizzata

-           Segretariato sociale

-           Partecipazione ad attività di valutazione e confronto di gruppo

-           Accompagnamento degli utenti presso servizi del territorio

-           Divulgazione delle informazioni relative alle attività socio-culturali offerte

-           Assistenza educativa orientata al recupero, al sostegno ed al cambiamento

-           Partecipazione a colloqui di progettazione personalizzata

-           Segretariato sociale

-           Partecipazione ad attività di valutazione e confronto di gruppo

-           Accompagnamento degli utenti presso servizi del territorio

-           Divulgazione delle informazioni relative alle attività socio-culturali offerte

-           Assistenza educativa orientata al recupero, al sostegno ed al cambiamento

-           Partecipazione a colloqui di progettazione personalizzata

-           Segretariato sociale

-           Partecipazione ad attività di valutazione e confronto di gruppo

 

 

 

Eventuali requisiti richiesti ai canditati per la partecipazione al progetto oltre quelli richiesti dalla legge 6 marzo 2001, n. 64:

 

Nessuno

 

 

 

 

SERVIZI OFFERTI:

 

 

Numero posti con vitto e alloggio 11

 

Numero posti con solo vitto 11

 

sedi con vitto e alloggio:

SEDE PROGETTO

COMUNE

NUMERO POSTI

Ama - Aquilone - Casa Ama

Castel di Lama

4

Ama - Aquilone - Casa A. Agostini

Pagliare del Tronto

4

Ama - Aquilone

S. Benedetto del Tronto

3

 

sedi con solo vitto:

SEDE PROGETTO

COMUNE

NUMERO POSTI

Magliana 80

Roma

2

Open Group  - Rupe Rifugio

Bologna

1

Cosmo

Vicenza

2

Fondazione Somaschi

Milano

1

Ass. Insieme Onlus

Firenze

1

Lelat

Messina

4

 

 

 

 

 

CONDIZIONI DI SERVIZIO ED ASPETTI ORGANIZZATIVI:

 

Numero ore di servizio settimanali dei volontari, ovvero monte ore annuo: 30/settimana

Giorni di servizio a settimana dei volontari: 5

 

 

Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio:

 

In considerazione delle attività da svolgersi si chiede:

·           Disponibilità alla flessibilità oraria e all’eventuale turnazione.

·           Disponibilità a svolgere servizio nei giorni di Sabato e festivi.

·           Disponibilità a svolgere missioni anche in luoghi diversi dalla sede del servizio o fuori Regione.

·           Disponibilità alla guida di autoveicoli messi a disposizione dell’Ente se in possesso di patente di tipo B.

·           Rispetto del regolamento interno dell’Ente.

·           Rispetto della privacy.

 

 

 

 

 

 

 

 

CARATTERISTICHE CONOSCENZE ACQUISIBILI:

 

 

Eventuali crediti formativi riconosciuti:

 

-              L’Istituto Superiore di Scienze Psicopedagogiche e Sociali “Progetto Uomo” – IPU, affiliato all’Università Pontificia Salesiana, intende riconosce l’esperienza del servizio civile, per l’attribuzione di crediti formativi.

 

-              Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione – Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, riconosce l’esperienza di servizio civile svolta con valenza di tirocinio e attribuzione di crediti formativi.

 

-              Università Cattolica del Sacro Cuore, con sede a Milano, Largo Gemelli, 1 riconosce  l’esperienza del Servizio Civile per il riconoscimento dei crediti formativi.

 

Eventuali tirocini riconosciuti:

-               L’Istituto Superiore di Scienze Psicopedagogiche e Sociali “Progetto Uomo” – IPU, affiliato all’Università Pontificia Salesiana, intende riconoscere lo svolgimento completo del servizio civile, equiparandolo al tirocinio formativo.

-              Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione – Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, riconosce l’esperienza di servizio civile svolta con valenza di tirocinio.

-              L’Università degli Studi di Torino – Corso di Studi in Educazione Professionale, sede di Savigliano, riconosce il Servizio Civile Volontario come attività sostitutiva in sede per i tirocini del II (400 ore) e III (450 ore) anno di corso.

 

Attestazione delle conoscenze acquisite in relazione alle attività svolte durante l’espletamento del servizio, utili ai fini del curriculum vitae:

Al termine dell’anno di servizio civile prestato nell’ambito del presente progetto il volontario avrà acquisito un bagaglio di conoscenze operativamente spendibili e curriculabili quali:

Conoscenze tecnico – professionali

-            Progettazione, organizzazione e svolgimento di attività di assistenza e cura di soggetti tossicodipendenti, utile per il profilo di operatore di comunità e operatore di strada. 

-            Conoscenza di normative e prassi per l’inclusione sociale di soggetti ex tossico - alcoldipendenti, capacità di identificazione delle metodologie di intervento e di costruzione della necessaria rete relazionale con servizi ed istituzioni competenti per territorio.

-            Utilizzo software specifici per l’attività di progetto.

 

Conoscenze trasversali

-         Capacità di lavoro in equipe.

-         Attitudine a lavorare per obiettivi.

-         Mediazione non violenta dei conflitti.

-         Attitudine all’assunzione – e relativa capacità di gestione – di responsabilità connesse alle attività progettuali.

-         Attitudine a fronteggiare emergenze/imprevisti.

Tale certificato verrà redatto dunque in forma personalizzata per ogni volontario avente diritto e riporterà analiticamente:

-         La redditività nelle mansioni svolte (espresso in decimi);

-         Il grado di responsabilità assunte connesse alle attività progettuali (espresso in decimi);

-         Il livello di conoscenze acquisite (espresso in decimi);

-         La valutazione delle abilità possedute (espresso in decimi);

-         L’attitudine al lavoro in equipe e per obiettivi (espresso in decimi).

Ai fini della crescita professionale e dell’arricchimento curriculare dei volontari stessi.

Sono stati infine, istituiti dei Protocolli di intesa per riconoscimento e certificazione delle competenze e professionalità acquisite nel corso dello svolgimento del servizio attinenti al progetto con i seguenti enti:

 

·      Cooperativa Odissea, con sede a Scarperia e San Piero (FI) in Via Romagnoli, 4

·      L’Agenzia di Formazione “La Scuola AMA”, ente accreditato come Ente di Formazioneda parte della Regione Marche per la formazione superiore, decreto del dirigente n. 236/SIM del 14/05/2015

·      Ente “PROFORMA SOC. COOP.”, ente accreditato come Ente di Formazione da parte della Regione Toscana, con Delibera di Giunta n. 373 del 06/02/2009

·      Comunità Capodarco, Via Vallescura, 47 – Capodarco di ermo (AP)

·      Prisma, Consorzio tra Cooperative Sociali, Strada Pasubio, 146 – Vicenza

·      Associazione Percorsi, Via dei Bizantini, 261 – Lamezia terme (CZ)

·      Associazione Comunità Progetto Sud, Ente Accreditato di Formazioneda parte della Regione Calabria, atto deliberativo di Giunta ,. 7854 dek 01/06/2012

 

 

 

 

FORMAZIONE SPECIFICA DEI VOLONTARI:

 

 

Contenuti della formazione: 

 

 

I contenuti della formazione sono mirati a fornire al volontario tutte le competenze tecnico     specialistiche specifiche necessarie alla partecipazione al progetto, secondo le attività che rispetto ad ogni azione progettuale sono a lui assegnate. La formazione mira in particolare a strategie, tecniche e metodi adeguati. La formazione specifica è gestita dal personale della sede progetto, attraverso il/i formatori di cui al punto 38, cui si rimanda anche per la titolarità delle sessioni di lavoro, e alle professionalità degli enti terzi che partecipano alla rete di progetto (punto 24) e si sviluppa con i seguenti contenuti e modalità operative, che coprono l’intero arco delle attività progettuali:

 

MODULO I

L’ACCOGLIENZA

Unità didattiche:

-         Il progetto “Prevenzione e inclusione”

-         La sede progetto: storia, statuto, attività e organizzazione sul territorio;

-         Conoscenza del personale della sede progetto – ruoli e funzioni

-         Attività, prassi e procedure operative interne;

-         Il regolamento interno, norme di comportamento tra personale e volontari e tra volontari e soggetti in cura dalle dipendenze

-         L’utilizzo di strumenti ed attrezzature della sede a disposizione del volontario

-         Conoscenza dei tossicodipendenti destinatari degli interventi e dei bisogni loro e delle loro famiglie

-         Modello e ruolo del volontario

-         Obiettivi e compiti del volontario

 

Durata: 9ore

Formatore: formatore specifico di cui al punto 38

Verifica efficacia: feedback immediati e colloquio finale

 

MODULO II

MO MODULO IIIDULO II

LA CONOSCENZA DEL TERRITORIO

Unità didattiche:

-         La mappatura del territorio: analisi dei bisogni e delle aspettative delle persone in stato di dipendenza patologica e delle loro famiglie 

-         Il sistema dei servizi socio educativo sanitari sul territorio locale;

-         La collocazione attuale e la mission della sede progetto nella rete dei servizi territoriali

-         La Riduzione del Danno

-         Le patologie correlate alla tossicodipendenza e all’alcolismo.

-         Chi sono i tossicodipendenti; le droghe e quali sono le droghe di strada.

-         Nuove droghe e nuovi consumi;

-         Il lavoro di Rete

-         Il lavoro di strada; la accoglienza diurna; l’accoglienza notturna, la presa in carico.

-         Il trattamento con farmaci sostitutivi

-         La comunità terapeutica

-         La comunità in alternativa alla detenzione

 

Durata: 9ore

Formatore: formatore specifico di cui al punto 38

Verifica efficacia: feedback immediati e colloquio finale

 

MODULO III

LE NORMATIVE

Unità didattiche:

-         Legislazione sui servizi alla persona nazionale e regionale

-         Il Piano sociale regionale

-         Il Piano di Zona e gli interventi in area dipendenze patologiche

-         La legislazione relativa alla tossicodipendenza, la responsabilità civile e penale degli operatori di comunità, la gestione del segreto e obbligo di denuncia, la legislazione sulla sicurezza aziendale e tutela della privacy

 

Durata: 9ore

Formatore: formatore specifico di cui al punto 38

Verifica efficacia: feedback immediati e colloquio finale

 

MODULO IV

IL LAVORO DI GRUPPO

Costruire una propria identità all’interno del gruppo

Unità didattiche:

-         Le dinamiche di gruppo

-         Il lavoro d’equipe; riconoscimento di ruoli e competenze, processi di comunicazione e costruzione di sinergie

 

Durata: 9ore

Formatore: formatore specifico di cui al punto 38

Verifica efficacia: feedback immediati e colloquio finale

 

 

 

 

 

 

MODULO V

MODULO V

LA RELAZIONE DI AIUTO

Tecniche e metodologie di assistenza, cura e animazione

Unità didattiche:

-         Tipologie di utenti, problematiche sociali e psicologiche connesse;

-         Tecniche di ascolto attivo,

-         Le tecniche fondamentali per l’assistenza e la cura;

-         Tecniche di animazione e di gestione della relazione;

-         Modalità di rapporto e comunicazione con l’utenza tossicodipendente: la relazione terapeutica

-         L’intervento nella “bassa e alta soglia”

-         Programmazione, realizzazione e verifica di attività socio-educative laboratoriali individuali e/o di gruppo

-         Contenuti e modalità dell’intervento psico-sociale in famiglie multiproblematiche;

 

Durata: 9ore

Formatore: formatore specifico di cui al punto 38

Verifica efficacia: feedback immediati e colloquio finale

 

MODULO VI

IL SEGRETARIATO SOCIALE: LA COSTRUZIONE DELLE RISPOSTE

Strumenti per offrire informazioni, sostegno e accesso ai servizi ai tossicodipendenti

Unità didattiche:

-         Accompagnamento all’utilizzo dei software necessari per la gestione della strumentazione informatica

-         Le attività routinarie e logistiche della sede

-         Metodologie di analisi dei bisogni;

-         Procedure di accesso ai servizi sanitari e di inserimento lavorativo

-         Procedure di accesso ai servizi scolastici e di formazione professionale

-         I rapporti con le istituzioni (Tribunale minorenni, enti locali, consultorio …)

 

Durata: 9ore

Formatore: formatore specifico di cui al punto 38

Verifica efficacia: feedback immediati e colloquio finale

 

MODULO VII

LA COMUNITÀ CHE C’È E LA COMUNITÀ POSSIBILE

Idee e strumenti per promuovere l’animazione e la sensibilizzazione territoriale

 

Unità didattiche:

-         Il lavoro di rete: strumenti e metodologie;

-         L’animazione territoriale;

-         La mediazione sociale;

-         La progettazione di interventi socio assistenziali, integrata e territoriale

-         La valutazione delle azioni e degli interventi assistenziali: strumenti e metodologie;

-         Potenzialità e risorse: sviluppo di nuove modalità nel fare e comunicare

-         La comunicazione efficace

-         Organizzare un evento comunicativo

-         Realizzare materiale informative: quale messaggio

-         Comunicare attraverso internet

 

Durata: 9ore

Formatore: formatore specifico di cui al punto 38

Verifica efficacia: feedback immediati e colloquio finale

 

MODULO VIII

FORMAZIONE E INFORMAZIONE SUI RISCHI CONNESSI ALL’IMPIEGO DEI VOLONTARI IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE

Unità didattiche:

-         La normativa in Italia sulla sicurezza (D.Lgs 81/2008): ruoli, funzioni, prassi

-         I rischi generici comuni connessi a tutte le attività di progetto

-         I rischi specifici connessi ai luoghi di lavoro in cui è svolta l’attività, secondo il Documento di valutazione dei rischi dell’organizzazione.

 

Durata: 9ore

Formatore: formatore specifico di cui al punto 38

Verifica efficacia: feedback immediati e colloquio finale

 

Per alcuni moduli e unità didattiche, il formatore specifico di cui al punto 38 potrà comunque essere affiancato da ulteriore personale dell’ente sede disponibili, in possesso di conoscenze e competenze specifiche, in grado quindi di garantire una formazione più approfondita su tematiche determinate.

 

Durata:      

72 ore complessive, così erogate: 70% delle ore entro e non oltre 90 giorni dall’avvio del progetto, 30% delle ore entro e non oltre 270 giorni dall’avvio del progetto.

Il 70% delle ore saranno svolte entro e non oltre 90 giorni dall’avvio del progetto, il restante 30% delle ore entro e non oltre 270 giorni dall’avvio del progetto.

 Si sceglie di utilizzare tale opzione poiché mentre garantisce una base congrua in termini di addestramento a inizio percorso (competenze di base), favorisce allo stesso tempo anche quegli apprendimenti che vengono acquisiti solo in una situazione di dialogo ricorsivo tra la teoria e la pratica, attraverso l’esperienza (competenze trasversali).

Intendiamo per “competenze di base” quel set di strumenti che permette al volontario di svolgere l’attività. Mentre intendiamo per “competenze trasversali” quel set di strumenti che, a partire dalla propria esperienza, consentono di mettere in atto risorse per migliorare la propria performance secondo le richieste specifiche del contesto di riferimento.

 

 

 

 

 

« Torna alle news  
 
 
 

HOME | IL GRUPPO | LA MISSION | IL C.D.A. | I SERVIZI | SOS AIUTO | PARTECIPA ANCHE TU | NEWS | DOVE SIAMO | CONTATTACI

 
 
Cooperativa Sociale "MAGLIANA '80" a.r.l. ONLUS- Codice Fiscale: 96012590582 – Partita IVA: 02147891002 Iscrizione all'Albo delle Cooperative n° A168489
Tutti i diritti sono riservati - Design e comunicazione Altravia